Dopo i tanti giorni

Ci siamo
finalmente,
dai suoi occhi cala
il pianto senza male.
E' uno come te,
non ha finito
e ancora oggi mi ordina
di dare pugni ai miei stracolmi sacchi
di pensieri buoni.
Lo fa per me,
così posso abbracciare senza regalare fiori
e camminare senza posare
i piedi sulla bella terra,
amare nuvole
e abbandonare salti di allegria,
attendere con gioia
e senza far tanto rumore
il grande giorno.
E tutto questo senza alcun dolore.