Sibilla

Sagoma che ai miei occhi
da lontano
tenebra appari,
accovacciata
nel tuo stretto manto.
Ti riveli,
regina,
incastonata di diamanti.
Come hai pensato d'essere amante
per un poco
di una tela!
Inquieta Sibilla,
abiti nell'interno della veste scura
e attendi là
su quella terra
dove l'infinito bene
il vento
non lo spazza via.