Ricordo

Mutavano gli scenari
secondo le stagioni:
fiori,
ascensioni.
E lei la pietra stringeva
sul seno
che non c'era
ed una ninna nanna in greco
alla sua bambola più autentica
cantava.
Poi le tentazioni:
valigia di cartone!
Pasta sui seni
e macchiate gonne;
pianto
per tutto ciò che ritardava
e prosit
a tutto ciò che finto mai non era;
carrozze d'oro e miele
sui binari.
Lei la chiamavan rosa
degli strami.